facebook youtbeTwiter Pinterest Instagram

logo hotel garden
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PRENOTA ON LINE

Data di arrivo:
calendario icona

Totale persone:

Bambini:

Sistemazione

Newsletter

contatti

Gargano

Rodi Garganico

Nell’incantevole scenario del paesaggio garganico, è situata la profumata cittadina che porta il nome di Rodi Garganico. Un’estate lunga un anno per il particolare microclima offerto dal sole e dalle leggere brezze dell’Adriatico, che permette una rigogliosa crescita intorno all’abitato di una vasta distesa di agrumeti, diventata negli ultimi anni una produzione eccellente che ha portato al riconoscimento del Marchio IGP ( Indicazione Geografica Protetta) per gli agrumi del Parco Nazionale del Gargano.

 

 

 

 

Itinerari tra storia e natura

Mare, grotte, scogliere e spiagge di sabbia fine fanno di questo lembo della costa garganica un quadro d'autore.
Gli elementi naturali come il vento e le onde hanno forgiato come abili artigiani la pietra carsica, modellando in modo unico ed originale le grotte, le baie, le insenature, i faraglioni in un susseguirsi ininterrotto lungo tutta la costa. Da non perdere l’arcipelago delle Isole Tremiti con le bellissime grotte marine, in particolare la grotta delle Viole e quella del Bue Marino: per visitarle è possibile imbarcarsi nelle immediate vicinanze dell’albergo.
Un intreccio di natura e cultura, una storia legala alla grande tradizione garganica del culto Micaelico originatasi a partire dal V sec. Con l’apparizione di S. Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo, ed impreziositasi con la testimonianza nel XX secolo del frate delle stimmate a San Giovanni Rotondo, San Padre Pio.
Il Gargano è luogo dell’anima oltre che paradiso delle vacanze.

 

Parco Nazionale del Gargano

Un’isola di calcare fra il mare dell’Adriatico e la pianura lussureggiante del Tavoliere delle Puglie.
Un luogo dove si rivive l’emozione di un rapporto con un ambiente suggestivo, selvaggio e pieno di sacralità.
Un intreccio di natura e cultura che fanno di questo lembo di terra pugliese un unicum nel panorama dell’offerta turistica italiana.
Storia come le mille storie di cui è intrisa questa terra costruita, riedificata, saccheggiata, da diversi popoli lungo i secoli a partire dagli insediamenti preistorici, all’età romana, Sveva, Aragonese.
Una storia legata alla grande tradizione garganica del culto Micaelico originatosi a partire dal V sec d.C. con l’apparizione di S. Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo, ed impreziositasi con la testimonianza nel XX secolo del frate delle stimmate a San Giovanni Rotondo, San Padre Pio.
Il Gargano è luogo dell’anima oltre che paradiso delle vacanze. Migliaia di pellegrini si recano ogni anno ai luoghi di Spirito.
Luoghi ad un passo da Rodi, facilmente visitabili con escursioni di poche ore.
Verde come il manto vegetale di cui è ricca la foresta umbra, il cuore del Parco Nazionale del Gargano ricco di secolari faggi, farnetti, lecci, aceri.
È possibile visitarla, da soli o con guide, della Foresta Umbra, alcuni percorribili a cavallo o in bicicletta.

Cultura e natura

Partenza da RODI GARGANICO per VICO DEL GARGANO.
Vico è un piccolo centro agricolo posto sulla sommità di un colle. Dell’antico Castello sono ancora visibili, un torrione cilindrico e alcuni ambienti voltati a crociera. Poco fuori del paese vi è la chiesa della Madonna del Carmine, adiacente ad un convento di cappuccini. Da Vico si può attraversare la Foresta Umbra, riserva verde del Gargano, impressionante per la sua estensione (11.000 ha) e per la bellezza della sua vegetazione. Proseguimento per PESCHICI.
Arroccata su di un massiccio promontorio roccioso, Peschici fu fondata nel 970. Il centro storico, in parte cinto ancora da mura, è costituito dalle tipiche case basse coperte da cupolette di aspetto orientaleggiante e da un Castello di origine medievale, ricostruito nel secolo XVII.
Tra le chiese di rilievo la Parrocchiale il cui interno conserva tele della scuola De Rosa. Sosta per il pranzo in ristorante tipico a VIESTE dove poter gustare le specialità della cucina locale. Nel pomeriggio visita del centro di Vieste, le cui origini risalgono al X sec. A.C. Il borgo medievale è in buono stato di conservazione con strade strette e case tutte imbiancate di calce. All’interno del centro sorge il Castello, di fondazione federiciana ma rimaneggiato nel 1537, e la Cattedrale esempio di architettura romanico-pugliese, rimaneggiata nell’Ottocento.
Rientro in hotel.

Religione

Partenza da RODI GARGANICO per MONTE S. ANGELO.
Il centro si sviluppò a partire dal V sec. In relazione al culto per l’Arcangelo Michele che apparve all’interno di una grotta.
L’interesse della cittadina è comunque concentrato intorno al Santuario di San Michele Arcangelo realizzato sulla grotta dell’apparizione. Al suo interno si trovano pregevoli testimonianze artistiche: una sedia vescovile, scolpita nellXI sec. E la venerata statua dell’Angelo in alabastro.
All’esterno vi è una massiccia torre campanaria ottagonale. Tra gli altri monumenti: il Castello, la Tomba di Rotari, Santa Maria Maggiore e S. Benedetto.Sosta per pranzo presso azienda agrituristica locale per degustare i prodotti tipici della cucina locale.
Proseguimento per S. GIOVANNI ROTONDO, centro medievale completamente trasformato con moderni quartieri in seguito all’afflusso di fedeli al Convento di S. Maria delle Grazie in cui ha vissuto Padre Pio da Petralcina che promosse anche la costruzione del vicino e moderno ospedale Casa Sollievo della Sofferenza.
Visita della chiesetta del 1629 e la chiesa moderna dove si trova la tomba del Beato.
Tempo a disposizione per raccogliersi in preghiera.
Rientro in hotel a RODI.

Castelli

Partenza da RODI GARGANICO per APRICENA. Antico casale risalente all’VIII secolo, deve il suo nome ad una cena tenuta da Federico II a base di cinghiale.
Nel paese si conserva un Palazzo Baronale che incorpora i resti del castello federiciano e una Parrocchiale all’interno della quale vi è un rilievo raffigurante una Madonna con Bambino. Proseguimento per CASTEL DEL MONTE. Isolato su di un colle della Murgia Pugliese esso rimane il più famoso monumento dell’epoca dell’imperatore Federico II di Svevia.
Il Castello l’unico esempio in Europa di Castello a pianta ottagonale con otto torri, anch’esse ottagone, sistemate ai vertici del poligono. Il monumento viene considerato una maestosa Cattedrale laica simbolo dell’ambizione terrena dell’imperatore.
Sosta per il pranzo presso agriturismo per degustare le specialità della cucina locale e ed i viniNel pomeriggio visita di BARLETTA, grosso centro marittimo di origine bizantina. Il Castello di origine normanne, venne ricostruito nel 1234 dagli Svevi.
Nel centro storico è anche visitabile la Cantina della Disfida, luogo dove fu bandita la sfida tra Fieramosca e il capitano francese La Motte.
Di interesse anche il Duomo del 1150 con facciata rinascimentale, la chiesa di S. Andrea e la chiesa di S. Sepolcro, sul fianco della quale sorge il Colosso.
Rientro in hotel a RODI GARGANICO.

Isole Tremiti

RODI GARGANICO – IMBARCO ISOLE TREMITI :
IMBARCO A BORDO DI MOTONAVE;
TEMPO DI NAVIGAZIONE: 1 h circa

Sbarco sull’isola S. Nicola, la più piccola delle tre isole, ma il centro storico, religioso e amministrativo dell’arcipelago.
Visita del complesso abbaziale di S. Maria a Mare, fondato dai benedettini nel 1045. Imbarco a bordo di barconi per il periplo in barca dell’Isola di S. Domino. Pranzo a base di pesce in ristorante tipico a S. Domino. Tempo libero a disposizione per shopping Rientro a San Nicola per rimbarco.
Rientro in hotel